- Sughi Althea

Patatas bravas con sugo all’arrabbiata Althea per una amore di ritorno. Che se ne va…

Patatas bravasNell’estate del 2010, 5 anni e 10 kg. fa, conobbi Pablo, caliente ballerino di flamenco. Dopo una travolgente passione a colpi di palos e compas, Pablo, come tutti, si dilegua… Ma la fortuna vuole che i maschi che entrano nella mia vita ne escono, per poi farne puntualmente ritorno. Quasi avessero dimenticato qualcosa… L’ombrello? Le chiavi? Il cappello? Mai capito. Ma tornano, portandosi dietro quel simpatico retrogusto di già visto, già vissuto, già conosciuto. E io ci ricasco.

Forse perché sono un’inguaribile ottimista e penso che il tempo ponga rimedio alle deficienze (e ai deficienti)? No, solo perché sono stupida.
Anche Pablo deve aver dimenticato qualcosa, ritornando una calda notte di luglio e io esattamente come 5 anni e 10 kg addietro, non solo gli ho aperto la porta, ma gli ho pure preparato il suo piatto preferito, quello che lui stesso mi aveva insegnato a cucinare: patatas bravas. Ma stavolta ho voluto dargli un tocco in più, tanto per sottolineare che quegli anni e quei chili non erano proprio passati invano e così ho aggiunto un bel sugo all’arrabbiata Althea per accompagnarle.

Ingredienti
4 patate medie
Olio per friggere
Paprica
Sale qb
1 mono porzione di Sugo all’Arrabbiata Althea

Preparazione
Ho tagliato a tocchetti 4 patate medie, le ho lessate per 10 minuti e poi fritte in olio bollente, una volta pronte le ho passate nella carta assorbente per togliere l’olio in eccesso. Le ho condite con un pizzico di paprica, sale qb e infine ricoperte con 1 barattolino di sugo all’Arrabbiata Althea.

Pablo, dopo questo piatto, rimarrai per sempre!
Ma invece niente, è riuscito a sparire di nuovo, portandosi via un sugo Althea. Questa volta non ha dimenticato proprio nulla…

0 thoughts on “Patatas bravas con sugo all’arrabbiata Althea per una amore di ritorno. Che se ne va…

  1. Odio quando tornano … Ed ahimè tornato sempre. Tanto se nel DNA sono Bip quello non cambia però – da inguaribile ottimista penso – magari l’hanno rapito gli alieni e l’hanno modificato geneticamente- Il piatto che gli hai cucinato era favoloso

Rispondi