- FavolAli, feste, Natale, Sdolcinerie, Torta caprese

Il magico abete stellato di Momò finito su una torta caprese natalizia per Chizzocute.it

Una magica favola di Natale e un bosco incantato di coni gelato su una torta caprese natalizia.

Giacomo era un bel bambino conosciuto con il nome di Momò.Perché quando era molto piccolo e doveva dire il suo nome, si capiva solo il finale: “Mo”, poi cominciava a balbettare e così alla fine veniva fuori una cosa tipo “Mo Mo”. Da allora, per tutti, divenne: Momò.

Momò viveva con i genitori in un piccola casetta vicino al bosco. E aveva un’insana passione per il Natale. Appena intravedeva una decorazione che gli faceva capire l’arrivo delle feste, impazziva dalla gioia e cominciava a chiedere a tutti: “Oggi è Natale?“, “Ma domani è Natale?“, “E dopo dopo domani è Natale?“. Ma tanto lo amava, quanto lo temeva.

Perché Momò aveva un problema con il Natale: i regali. E non solo i suoi, anche quelli dei suoi genitori. Si perché tutti gli anni quello che loro chiedevano a Babbo Natale puntualmente non arrivava.

La mamma chiedeva un profumo e le arrivava un leva torsoli. Papà desiderava un maglione e nel suo regalo trovava un arriccia baffi. E Momò? Il povero Momò erano anni che, nonostante una letterina molto accurata stilata con diversi mesi di anticipo ( e con vari aggiornamenti settimanali…), si ritrovava con regali completamente errati. L’anno scorso aveva chiaramente scritto, a lettere cubitali, che voleva più di ogni altra cosa al mondo un trenino elettrico rosso fuoco. E quando toccò a lui scartare il suo pacco, dentro ci trovò una bambola con i ricci biondi. Una bambola!

Quando chiedeva il perché ai genitori, loro balbettavano delle scuse, ma si capiva che non avevano le idee chiare a riguardo.

Ma Momò si, aveva una valida spiegazione alla cosa. Anzi un colpevole. Il piccolo e poco illuminato albero di Natale che i genitori allestivano ogni anno in salotto, e che Babbo Natale non poteva assolutamente vedere. Così solo all’ultimo del suo giro di regali notava la casa di Momò e lasciava, a lui e ai suoi genitori, le rimanenze.

Momò era certo che un grande albero di Natale super illuminato fosse l’unica garanzia per un sacco di regali azzeccati.

Il giorno in cui Momò girò la casellina del suo calendario dell’avvento n. 24, fu preso da una grande gioia. Ma subito dopo il timore: “Non ci troverà mai!”…

Che succederà al Natale del piccolo Momò? Scopritelo leggendo il resto della favola di Momò e del suo abete magico cliccando qui: Chizzocute.it.

Torta caprese con abeti di coni gelato

Intanto ecco la torta che la mamma di Momò preparò per festeggiare il Natale: torta caprese natalizia con bosco di coni gelato al cioccolato!

Per prima cosa, lavorò con un frullino 5 tuorli e 250gr. di zucchero, conservando gli albumi da montare successivamente.
Sciolse a bagno maria 150gr. di burro e 200gr. di cioccolato fondente, che poi mescolò al composto precedente. Una volta raffreddato tutto, aggiunse 300gr. di mandorle sgusciate e tritate non troppo finemente, 2 bustine di vanillina, gli albumi montati a neve. Versò il composto ben amalgamato in una teglia imburrata, ponendola poi in forno già caldo a 180 C° per circa 30/40 minuti (fate la prova stecchino).
Poi passò alla decorazione, realizzando un bosco di coni gelato. Sciolse 100gr. di cioccolato fondente e vi passò dentro alcuni coni gelato vuoti, poi li passò in zuccherini bianchi. Poi impilò più coni e creò un albero più alto, sciogliendo 1/2 tavoletta di cioccolato bianco con dentro 1 cucchiaiaino di tè matcha. Ottenuta una crema verde, vi passò dentro il cono e poi lo ricoprì con zuccherini a stella. Infine posizionò gli alberi sulla torta spolverizzata con zucchero a velo.

Buon Natale a tutti!

Torta caprese natalizia con bosco di coni gelato

E non smettete mai di crederci da qualche parte esisterà un un bosco incantato di coni gelato su una torta caprese natalizia…

 

0 thoughts on “Il magico abete stellato di Momò finito su una torta caprese natalizia per Chizzocute.it