Torta Barozzi su cucchiaino
- Sdolcinerie

Il rimpianto di una TORTA BAROZZI e la mia versione strettamente personale

Ancora in attesa di assaggiare la versione originale, ecco la mia personale ricetta della TORTA BAROZZI.

Torta Barozzi con cucchiaino

Ai tempi dell’Università, durante una vacanza fuori stagione (quando ancora le stagioni erano 4 e le potevi distinguere l’una dall’altra), in un’assolata Romagna conobbi tale Davide.

Biondino risoluto, molto ambizioso e con la passione per le auto, i cavalli e i coltellini svizzeri.

Davide era di Modena o di quelle zone lì. In quella breve ed inaspettata vacanza tante furono le promesse di tale Davide: da un viaggio in Croazia, ad una casa insieme, al farmi assaggiare l’antica torta Barozzi di cui tanto mi aveva decantato le gesta e i sapori.

Che io poi avrei ricambiato con la mitica torta Caprese.

Inutile dire che Davide sparì dopo quei giorni. Qualche lettera, due cartoline e un solo grande rimpianto. La torta Barozzi. Appunto.

Quindi caro Davide di Modena o giù di lì, se sei in ascolto sappi che mi devi ancora una torta e anche un cd (credo dei Simple Minds, ma non ci giurerei. Questo però non ti autorizza a restituirmene uno a casaccio, per esempio di Peppino di Capri).

Intanto la torta Barozzi me la sono fatta da sola e quindi non è la vera torta Barozzi ma solo una pallida (ma molto scura) imitazione. L’unica cosa che corrisponde all’originale sono gli ingredienti che compaiono sulla confezione: cioccolato fondente, mandorle e arachidi, uova, burro e zucchero.

Torta Barozzi

Quindi, messi insieme con l’aggiunta del caffè che non deve mancare, ecco la mia personale versione della TORTA BAROZZI.

Sgusciate e pelate 50gr. di arachidi non salati e 100gr. di mandorle. Tostatele in una padellina per qualche minuto e poi tritatele insieme a 30gr. di zucchero di canna.

Poi sciogliete a bagnomaria o microonde 80gr. di burro e 200gr. di cioccolato fondente.

Torta Barozzi_ preparazione

Separate i tuorli di 3 uova dagli albumi. Montate i tuorli con 80gr. di zucchero di canna, aggiungete il cioccolato fuso con il burro, le mandorle e le arachidi tritate, 1 pizzico di cannella e 30gr. di caffè in polvere sciolti in 4/5 cucchiai di acqua calda.

Montate a neve gli albumi e poi uniteli al composto, con una spatola, mescolando dal basso verso l’alto.

Foderate una teglia (la mia è rettangolare 25x15cm) con carta argentata (come l’originale) e cuocete in forno già caldo a 170°C per 30 minuti circa. 

Torta Barozzi da cuocere

Appena cotta, toglietela dallo stampo insieme alla carta argentata.

Torta Barozzi dall'alto

Lasciatela raffreddare,  tagliatela a quadrati e poi cospargete con il cacao.

Torta Barozzi morso in primo piano

8 thoughts on “Il rimpianto di una TORTA BAROZZI e la mia versione strettamente personale